QUADERNI PRAGMATICI PER ANIMI CONTEMPLATIVI – LA METRO

A grande richiesta, dopo giorni e mesi di stasi, l'autore sceglie di pubblicare, parto insperato, il terzo e con ogni probabilità l'ultimo (last but not least) della saga Quaderni Pragmatici per Animi Contemplativi. Il tema? La metropolitana, non solo come mezzo di trasporto, ma come condizione metafisica e specchio del nostro tempo.

Annunci

ISPIRAZIONE POETICA OVVERO UN INCERTO CORRIDOIO DI PAROLE E SUONI

Di chi è quella scrittura? Quella fila compatta di ragni è davvero la mia calligrafia?
Un (im)possibile percorso alla scoperta dell'ispirazione poetica, allo scopo di rispondere alla domanda se, oggi, sia ancora possibile sperimentare l'ispirazione ed essere poeti.

STELLE CADENTI

Ma con chi diavolo sono costretto a passare una serata calda e nera come questa? A giudicare dalla strega alla mia destra, sedicente vecchiarda so-tutto-io-di-te, si tratterebbe piuttosto della notte delle guance cadenti, notte in cui un ipotetico stuolo di psicologhe putrescenti invoca in dono delle creme antiossidanti. E speriamo che in preziose ampolle e …

L’OCCHIO DEL COCCODRILLO OVVERO LA POESIA DIMENTICATA

Noi vogliamo, per quel fuoco che ci arde nel cervello, tuffarci nell'abisso, inferno o cielo non importa. Giù nell'ignoto per trovarvi del nuovo. [Charles Baudelaire]   Strane creature albergano al fondo degli abissi. Altre d’un tratto s’inabissano per raggiungere le prime. Vogliono anch'esse fare esperienza delle profondità più buie e sconosciute. Vogliono sfondare il rigore …

QUADERNI PRAGMATICI PER ANIMI CONTEMPLATIVI – EPIDEMIOLOGIA DELLA SVEGLIA

Avvertenza: cadono nel dominio dell'esistente due differenti tipi di testi, i testi che devono essere letti e quelli che sono destinati a non esserlo. Lo scritto qui presente rientra senza dubbio nella seconda casistica - come del resto le menti più acute non avranno trascurato di intuire. Questo, per farla breve, non è un testo da leggere. Non …

LO SCARABEO D’ORO OVVERO AZIONI INSENSATE

Come alle volte ci si chiede perché ci si trovi fradici sotto la pioggia a dirotto. Quando fino a poco fa c’era un sole da spaccare pietre o da far bollire il cervello, già tiepidamente sottomesso da una coltre di capelli neri. Come un cane brama, al suono accartocciato ed estasiante di una merendina che …

LEOPOLDO LIETO LETTORE E LETTERATO DILETTANTE

Immenso si staglia con pallore metropolitano ad invadere brusco il campo visivo. O almeno ciò che resta di esso tra il cemento grigio e i cavi elettrici. Sinistri cartelli e trovate segnaletiche da quattro soldi: righe gialle, obliteratrice, non fare questo, non fare quello, attenzione, attenzione a fare attenzione, non fumare…ora sì, fuma pure, pochi …