CUORE D’INFERNO

D'inverno il tuo cuore poche parole gelate e ti congedifiamma d'estate il mio e d'inferno non credi alle parole rocheinframezzate dal pianto che ti è noto chiusa la porta amore non dovrò aspettarti raccolgo le foto schiacciate sotto ai tuoi piedi o dio superno siedi e dimmi che non sono morta

DELLA VITA E DELLA MORTE

E si raggelano le labbra quando dico “io”: è stata profanata la tomba di un defunto. Cade una pietra nel mare del Nord e ciò che segue, in tutto simile a ciò che è stato, non è che un testo lapidario. So che sei stanco, ma la marea mai lo sarà. Il mare inghiotte ogni …

CANTO NOTTURNO

Sono la notte stremata che volge al termine Sono il manto boschivo Il faggio e l'acero e il carpino Sono il rapace notturno che si congeda. Sono muschio odoroso e scuro Come il sentiero che percorro E il mio pensiero si condensa in stille di rugiada Sono la goccia che fa splendere nel buio il …